giovedì 21 giugno 2018

Happy Birthday LONG PLAYING




Oggi è il compleanno del 33 giri
70 anni e non li dimostra affatto
anzi è sempre giovane e gode di una grande
e ritrovata passione sia per nostalgia che per moda
ma comunque una presenza incancellabile
dalla storia della musica passata presente e futura
infatti l'LP avrà ancora molte cose da dire
e tante emozioni da regalarci
quando arriverà anche il nuovo formato del vinile HD.

Ma partiamo... dall'inizio...
Tutto nacque nel 1877 col primo grammofono (o fonografo)
ideato dal francese Charles Cros
fino al primo apparecchio effettivamente funzionante a cilindri
realizzato dall’americano Thomas Alva Edison
circa 8 mesi dopo.

Il vero disco orizzontale come lo conosciamo oggi
fu concepito nel 1888 da Emile Berliner a Filadelfia.
Inizialmente era concepito come gadget audio
da inserire nei giocattoli parlanti.
Fu trasformato e perfezionato in vero disco nel 1894
dallo stesso Emile Berliner.

Era fatto in gommalacca e girava sui grammofoni a 78 giri al minuto.
La sua grandezza era simile a quella degli LP di oggi (30 centimetri)
ma il peso era davvero importante
quasi mezzo chilo (circa 360 grammi).

Ci volle quasi mezzo secolo e cioè
fino a quel lunedì del 21 giugno 1948
quando la Columbia Records presenta
al Waldorf Astoria di New York
il nuovo formato di disco non più in gommalacca
ma in vinile e ribattezzato "Long Playing".

Finalmente con l' LP arrivò la possibilità di incidere
più brani su entrambe le facciate
provocando così anche l'abbattimento dei costi
e la moltiplicazione dei ricavi
un vero affare per tutti, produttori e fruitori.
Si poteva finalmente avere una raccolta di canzoni
e non più una o due come prima
fu per questo che cominciò ad essere definito "album"
come ancora oggi viene chiamato insieme all’acronimo LP.

Aveva sempre la stessa misura di 30 cm di diametro
ma grazie al PVC che sostituiva la gommalacca
pesava appena 100 grammi.
La dicitura “33 giri” ovviamente deriva dal fatto che il disco
viene riprodotto alla velocità di 33 giri al minuto
(33 e un terzo per l'esattezza).
  
Il primo long playing prodotto fu
il “Concerto per Violino in mi minore” di Mendelssohn.




Solo un anno più tardi nel '49 la RCA
lanciò il primo singolo a 45 giri ma questa...è un'altra storia.

Tanti auguri e bentornato Long PLaying!



domenica 8 aprile 2018

88 tamburi accordati


                                                                                                                                                                                                                  

La musica è matematica
le note abitano vivono viaggiano
in tempi/spazi definiti
compiuti divisi moltiplicati frazionati
ripetuti in una perfezione appunto, matematica.

Ogni forma di musica 
è stata cucita scritta disegnata
su linee di tempo/spazio
è così da sempre
è così per tutti i musicisti e tutti i generi
dalle tribù a Bach
dal Blues alla melodia
dal Rock al Jazz
la forma più permissiva e libera che esista
ma non per tutti
non per lui
un matto che non voleva suonare
quel noioso codice binario/Morse
della musica di sempre.

"Basta, inventiamo un altro codice!
Io non suono un pianoforte ma 88 tamburi accordati"
E così un giorno insieme ad altri matti
prese la tovaglia ricamata di pentagrammi
punti note spazi e tempi
e la lanciò per aria
e rigorosamente in ordine sparso e caotico
tutto ricadde nuovo libero e irraggiungibile.

Quel matto era/è Cecil Taylor
la sua musica era/è come lui
inafferrabile e indefinibile
senza tempo e senza codici.
Quegli 88 tamburi bianchi e neri
erano fuori e oltre come lui
così fuori e oltre 
che gli "ortodossi" gli impedirono
di suonare nei locali
costringendolo all'angolo
additandolo a vergogna inascoltabile!
Ma poi si rassegnarono
e lo chiamarono... FreeJazz 


Cecil Taylor 1929-2018... e oltre



foto: Studio Massimo Golfieri & Concetta Nasone

mercoledì 28 marzo 2018

28 marzo 1964 Radio Caroline



Oggi grazie a Ronan O'Rahilly
nasce RADIO CAROLINE
una delle prime radio libere al mondo
senz'altro la più famosa e temeraria di tutte.
La stessa che ispirò e convinse Angelo e Rino Borra
a far nascere insieme ai fratelli Cozzi nel 75
Radio Milano International, la mamma delle nostre radio libere.
Ergo, se RMI è la mamma Caroline è la nonna
e RadioLuxembourg la bisnonna (1933)
ma non perdiamoci in genealogie...

A mezzogiorno del 28 marzo 1964 
i dj's Chris Moore e Simon Dee 
al largo delle coste dell’Essex 
annunciano la nascita di Radio Caroline
con un messaggio pre-registrato:
«Questa è Radio Caroline sul 199
la vostra stazione musicale 24 ore su 24».


Il primo disco in onda fu Not Fade Away dei Rolling Stones
ovviamente dedicato a Ronan O'Rahilly il "padre" di Caroline
un testardo e geniale irlandese classe 1940
che contro vento e contro tutti si mise in testa 
di rompere la rigida monotonia della radio pubblica inglese.



Sfruttando una lacuna legislativa 
scovata nel testo della legge per le telecomunicazioni
si convinse che era possibile aggirare il monopolio
e far nascere la sua Caroline come aveva già fatto
molto tempo prima RadioLuxembourg208
trasmettendo appunto dal Lussemburgo come radio multilingue.
Ronan non voleva andarsene dal Regno Unito e così pensò
al mare, restando al largo della costa e in acque internazionali
non avrebbe avuto nessun limite né infranto alcuna legge 
e l'unico obbligo era solo quello di registrarsi nello stato 
in cui si fosse trovato di volta in volta.
Fu così che acquistò una vecchia nave passeggeri danese 
ribattezzandola da MV Fredericia a MV Caroline 
ispirandosi per il nome alle foto di Caroline Kennedy, figlia di JFK
che aveva visto spesso ritratta nelle foto alla Casa Bianca.


Il motore della sua idea fu la tenace passione e la convinzione 
nel voler diffondere la musica più bella e aggiornata di quegli anni
a discapito della noiosa e pedagogica radio pubblica 
che non dava spazio né al beat né al rock
se non in rarissime occasioni
ospitando e programmando solo artisti affermati 
e imposti dalle case discografiche.

Non solo, ma la assurda legge di allora 
che limitava in 28 ore settimanali l'esecuzione dei brani originali
per poter coprire il resto della programmazione
costringeva la stessa BBC a registrare le cover strumentali
delle orchestre locali... un vero delirio!

Ma era la dura realtà del mezzo radiofonico di allora
funzione esclusivamente educativa e mai ricreativa
musica imposta e ridotta all'osso, pubblicità vietata
e programmi esclusivamente informativi o pedagogici
un po' come il nostro "terzo canale" Rai degli anni 60
ma molto più austero e triste.
Radio Caroline era l'esatto opposto, il paradiso in terra
(in mare...) 
come previsto sollevò le proteste ufficiali
da parte del Governo che però poteva solo constatare 
l'impotenza legislativa in materia di telecomunicazioni.

La notizia si diffuse rapidamente 
senza alcuna campagna promozionale
in modo naturale e spontaneo (oggi diremmo..virale)
e Radio Caroline arrivò a 5 milioni di ascoltatori già in pochi mesi.
Il segreto della ricetta era tanto semplice quanto efficace 
e gli ingredienti sono gli stessi ancora oggi validi in ogni radio:
musica attuale h24, comunicazione spontanea e diretta
pubblicità velocissima e allegra e giochi a premi 
dove si vincevano fino a 4/5000 sterline
per quegli anni una cifra ..molto seria! 



Beatles, Rolling Stones, Kinks, Who e tanti altri gruppi e nomi dell'epoca
erano gli assoluti protagonisti che finalmente si potevano ascoltare 
ininterrottamente da quella radio tanto rivoluzionaria quanto ovvia e necessaria.
Certo, la questione del copyright, anche quella 
veniva allegramente aggirata
ma le band non si arrabbiavano, anzi 
per loro era tutta pubblicità positiva
che accendeva di energia i giovani all'ascolto 
che presto si sarebbero trasformati
in pubblico delirante ai concerti e nei negozi.

Gli stessi Beatles e Who furono in seguito 
tra i più grandi sostenitori delle radio private
che in poco tempo cominciarono ad imitare Caroline 
e a proliferare in tutto il Regno Unito.
Fu un successo talmente clamoroso e inarrestabile
che la stessa BBC (scandalizzando gli inorriditi puristi filo-governativi)
decise di lanciare una nuova stazione 
BBC Radio 1, dedicata esclusivamente
al pop/rock!

Pochi anni dopo, nel 1967 
il Governo inglese decise di varare una nuova e più severa legge 
per punire tutti i "pirati" con il suo "Marine Offences Act" 
in vigore dal 15 agosto 1967 e tutt'oggi operativo che
«proibisce di trasmettere dalle navi, 
dalle strutture off-shore e dagli aerei 
in acque territoriali britanniche 
o da navi e aerei registrati nel Regno Unito 
dovunque si trovino». 

Da quel giorno chiusero tutte le radio
ma Ronan andò avanti e continuò a sfidare il Governo 
onda su onda...dalla sua Caroline.
Poco dopo mezzanotte di quel ferragosto annunciò:
«Radio Caroline continua» 
e fece partire All You Need Is Love dei Beatles. 
Una stima dell'epoca conta in 20 milioni gli ascoltatori 
che accesero Caroline nel primo giorno della nuova legge.
Non avendo più rivali, restava l'unica libera e possibile.

Purtroppo la radio in seguito dovette fermarsi per quattro anni...
quando i marinai si rifiutarono di andare avanti 
se non fossero stati pagati gli arretrati. 
Ripartì nel 1972 ma sempre a fasi alterne  
fino ai nostri giorni, purtroppo non è più tornata 
alla fama di un tempo. 

Oggi è ancora "in onda" http://www.radiocaroline.audio/

nel 2017 ha anche ottenuto dal governo britannico
(per la prima volta) l'autorizzazione ufficiale a trasmettere in AM 
(come radio comunitaria).
L' occasione è stata festeggiata con una trasmissione di 3 giorni 
dall' 11 al 13 agosto 2017 in diretta dalla ristrutturata Ross Revenge
attraccata nel fiume Blackwater (Essex).



Happy Birthday Caroline... 
e mille grazie al pirata O'Rahilly
che oggi purtroppo è molto malato 
ed è ritornato a vivere in Irlanda nella contea di Louth 
con la vista sul porto di Greenore dove Radio Caroline 
nacque 54 anni fa e dove speriamo
continui a navigare per sempre!