lunedì 17 agosto 2015

Android & Google 10 anni insieme

Eravamo quattro amici al bar che volevano cambiare il mondo...Gino cantava ma Andy l'ha fatto.
Anno 2003, Andy Rubin, Rich Minerva, Nick Sears e Chris White, decisero non solo di cambiarlo ma di inventarne uno nuovo e parallelo. Fu un inizio un po' "carbonaro" pensato lontano dai riflettori e recintato da molti aloni di mistero. L' "inventore pazzo", ne aveva in mente un'altra .....



"Che state combinando laggiù?"...

"software, anzi software per telefoni"...

"per telefoni? ma siete pazzi! il mondo è dei computer"...

"ah ok"...

Diciamo la verità, più che da pazzi era da alieni. Così alieni che la chiamarono "Android Inc." una roba che all'epoca Andy Rubin descrisse come : 
"sistema per dispositivi cellulari più consapevoli della posizione e delle preferenze del loro proprietario" 
(un pazzo non ha mai il dono della sintesi..).
Intanto però il tempo passava e i quattro al bar oltre ai donuts si mangiavano anche il piccolo budget, finché un quinto amico, Steve Perlman (Artemis Networks) li raggiunse e si aggregò.


Steve era un altro smanettone informatico, costruì il suo primo computer nel 76 al college, uno che la sapeva parecchio lunga e veniva da lontano, lontanissimo: Sony, Philips, RCA, Panasonic, Mitsubishi, Samsung, Fujitsu, Motorola, Scientific Atlanta, Sega, Nintendo fino a Microsoft ed Apple!... 
Erano buoni amici da molto tempo e non esitò a proporsi, Andy era geniale affidabile creativo, con quell'idea fissa dei telefoni che lo perseguitava da anni, DOVEVA essere buona! Così volle aggiungersi ma senza toccare un chip un codice una vite, partecipando solo allo sviluppo e senza interferire. 
Decise di donare 10.000 $ in una busta e...good luck. Beh, i 10k più fortunati e meglio investiti degli ultimi 50 anni. Di lì a poco i loro misteri e segreti chiusi in un garage erano così segreti e misteriosi che ovunque parlavano di Android perfino alla Apple. E ne parlavano così intensamente che un giorno le voci arrivarono alle orecchie di un altro tizio molto sveglio (e dal buon udito) un certo Larry Page. Erano mesi che stava pensando di entrare nella telefonia mobile e non sapeva come, proponeva a tutti ma a parte Apple (con cui non aveva chance) nessuna azienda seria ed "attrezzata" era disposta a sviluppare software per lui nella telefonia. 
"Idea antieconomica e priva di qualsiasi previsione ragionevolmente redditizia" ..dal vangelo secondo Wall Street. Ma Larry non fu così osservante e credette alle voci su quei quattro, così eccoci al 17 agosto 2005 e alla comunicazione ufficiale dell'acquisizione di Android (già entrata in Google dall'11 luglio).


Page aveva trovato il contenuto e Rubin il contenitore, ora l' "inventore pazzo" non era più così pazzo. 
Quei benedetti 10.000 dollari di Perlman si moltiplicavano giorno per giorno e nessuno poteva più fermare l'astronave nascente. A bordo di Google avevano trovato la piattaforma per far decollare ogni progetto. Furono due anni pazzeschi lavorando e sviluppando codici notte e giorno sul kernel Linux ininterrottamente fino al 5 novembre 2007, data della presentazione ufficiale di Android dalla neonata OHA (Open Handset Alliance) consorzio di aziende con Google, HTC, Samsung, Sprint Nextel, T-Mobile, Qualcomm, Texas Instruments Inc. 
Passò un altro anno e il 22 ottobre 2008 nacque il primo vero dispositivo Android : l'HTC Dream.
Appena un mese prima (23 settembre) nacque la versione 1.0 di Android
quindi è quella la vera data ufficiale di compleanno del robottino verde.


E' stato un bel viaggio da allora. Guardate il vostro smart e ripensate al vostro tele-fonino del 2005... beh Android (ed Apple) hanno davvero cambiato il mondo. Ma il viaggio del robottino verde continua.
Oggi Andy Rubin non è più il presidente, ha ancora fame di sogni ed invenzioni, dal 2013 Larry Page lo ha lasciato "libero" di dedicarsi ai nuovi progetti sia suoi che di Google. Volerà sempre altissimo anche se legato come un aquilone alla base di Mountain View, uno dei migliori bar dove gustare ottimi donuts.