domenica 4 dicembre 2016

Frank Zappa


"Oggi" nel 1993, scompare #FrankZappa
uno dei personaggi più geniali della musica
non chiedetemi di quale genere perché lui li ha divorati tutti
dal rock al jazz al progressive alla classica fino alla satira e al cabaret
non si è fermato di fronte a nulla.

Classe 1940, vita familiare e sociale molto difficile e "vivace"
talmente vivace che il padre lo allontanò da casa e parenti
per la sua indisciplina quotidiana e lo scarso rispetto delle tradizioni...
erano di origini siciliane (di Partinico) figuratevi se potevano convivere 
con chi disprezzava la cucina italiana e soprattutto, la religione cattolica.

Dopo mille peripezìe e un arresto
finalmente riesce ad approdare alla #MGM
che gli riconosce la sua bravura mostruosa con la chitarra.
Nel 66 arriva il primo (doppio) album "Freak-Out!"
uno dei primissimi vinili doppi dell'epoca, già rivoluzionario e dissacrante
nonché fonte di ispirazione di #PaulMcCartney per #SgtPeppersLonelyHeartsClubBand.

Da li in poi sono decollati ben 117 album (ufficiali)
ma è un conto approssimativo e ancora oggi nessuno sa quanti realmente siano.
In ogni album sempre una sorpresa che spiazza e sconvolge
nessuno che segua il filo "logico" delle partiture classiche
ti spiazza e spazia ovunque, dal rock ai cartoons fino al caos più totale:
"Faccio anche musica brutta perché l'America è brutta"
diceva rivolgendosi ai politici dell'epoca (storia sempre uguale).

Oggi potremmo, anzi possiamo assolutamente accostare a Zappa
la band di #ElioELeStorieTese che da bravi nipotini
hanno attentamente seguito le orme dello zio.
Ma il meglio di se Frank lo dava in concerto
negli imprevedibili personaggi che inventava
nei travestimenti da attore consumato o clown
nella raffica di monologhi verso le classi dominanti di palazzo
sempre accompagnate da improperi e vaffanculi ben farciti
ma anche e soprattutto, da un talento tecnico sublime e indiscutibile
che lo ha inserito nell'unico recinto possibile per lui
quello dei primi 20 chitarristi al mondo.

Non c'è quasi nulla che Frank Zappa non abbia già fatto
e se siete a corto di ispirazione andate a cercarlo, vi stupirà ancora
ma accostatevi al genio con rispetto e senza pensare di catalogarlo
 perché non ci riuscirete.